Differenza tra abitudine, routine e rituale; The Power of Habit

Come cambiare in meglio le abitudini per la valorizzazione personale? Scopri come organizzare le giornate e concretizzare i tuoi obiettivi.

Differenza tra abitudine, routine e rituale
0 49

The Power of Habit è il noto libro scritto da Charles Duhigg, un testo di ispirazione per molte persone, che promette di riportare in auge il fascino delle abitudini spesso poco considerato. Solitamente attribuiamo una connotazione negativa alla routine, forse per questione di educazione, oppure per semplice inclinazione personale. La lettura di questo testo mostra le cose da un punto di vista differente, trovando il lato positivo nelle abitudini, purtroppo poco riconosciuto. Non solo, The Power of Habit insegna a creare nuove situazioni, mirate al nostro benessere psicofisico; ti sei mai chiesto qual è la differenza tra abitudine, routine e rituale? Leggi questo post, scoprirai un mondo nuovo!

Differenza tra abitudine, routine e rituale; come costruire la propria quotidianità

Il livello successivo dell’abitudine prende il nome di rituale; questo sostantivo attribuisce un fascino totalmente diverso all’azione, direi quasi mistico. Perché? Il rituale è molto più efficace rispetto all’abitudine, è però necessario scavare a fondo per captare le differenze più significative. L’articolo di Thanh Pharm, pubblicato su Asian Efficiency, spiega concretamente tutto ciò che riguarda la reale differenza tra abitudine, routine e rituale

Tre parole molto simili tra loro, a cui spesso attribuiamo lo stesso significato, eppure non è così. Abitudini, routine e rituali derivano dalla stessa area di produttività, eppure ogni termine emana una percezione diversa. Come possiamo riassumere il profondo significato di questi termini in modo da sfruttarli a vantaggio della nostra vita e delle nostre aspettative? Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

Cosa sono le abitudini? Come riconoscerle?

Potremmo definire le abitudini come azioni singolari, da intraprendere con lo scopo di focalizzarci verso un obiettivo particolare. Desideri avere denti puliti e sani? Benissimo, svilupperai quindi l’abitudine quotidiana di spazzolarli correttamente, utilizzando dentifricio, collutorio e filo interdentale. Anche bere l’acqua per dissetarsi al posto delle bibite gassate e zuccherate, può essere tuttavia considerata un’abitudine.

Proviamo con un altro esempio: vuoi migliorare il tuo livello di conoscenza su un determinato argomento? Detto, fatto! Svilupperai l’abitudine di cercare articoli sul web per informarti e conoscere nuovi dettagli, piuttosto che “perderti” giocando a Candy Crush o Tetris. Accantonare i passatempi poco utili per migliorare la tua conoscenza è un ottimo passo in avanti.

Hai bisogno di altre idee? Vuoi migliorare la tua saluta fisica, decidi quindi di cominciare a correre al mattino. Lascia la tua attrezzatura e le scarpe da ginnastica vicino alla porta prima di andare a dormire; questa semplice abitudine potrebbe contrastare la pigrizia ricaricando la motivazione quando ti senti stanco e disorientato.

Come detto poco fa, le abitudini sono azioni prevalentemente singolari, eseguite automaticamente. Una volta ripetute a sufficienza, divengono quasi involontarie. Se esegui costantemente le azioni, il tuo cervello non avrà più bisogno di pensarci, la tua testa potrà quindi elaborare nuove idee. Facile e produttivo!

Per creare l’abitudine, hai bisogno di uno spunto. Questo comportamento ti spingerà ad agire, ripetendo l’azione più e più volte. Tornando all’esempio della corsa mattutina con l’attrezzatura riposta nella giusta posizione, lo spunto sarà l’azione specifica di recarti alla porta di ingresso. Necessiti di una “sveglia”? Un metodo che ti aiuti a ricordare le azioni da compiere? Scarica un’app apposita; che possa ricordarti ogni giorno, all’ora impostata, cosa devi fare. Questa semplice azione darà il via alla tua abitudine.

Una volta individuato lo spunto necessario, è tempo di agire e completare la tua abitudine. Non sono necessarie ulteriori spiegazioni! Ora che hai portato a temine l’azione, giunge il momento della ricompensa. Cosa significa? Nel caso del lavaggio dei denti potremmo per esempio riferirci alla piacevo sensazione di freschezza percepita in bocca. Nell’esempio della corsa mattutina, saremo invece ricompensati da un fisico più tonico e una salute migliorata.

Cos’è la routine? Come avviene?

Abbiamo fatto chiarezza sul termine “Abitudini”, è quindi la volta della routine. Come potremmo definirla? La routine è un insieme di abitudini, quelle per esempio che compi ogni mattina. Quando ti alzi bevi un bicchiere d’acqua, prepari il caffè, leggi le news, dai un occhio all’agenda e poi prosegui la giornata avendo ben chiari gli impegni da portare a termine. Ecco un ottimo esempio di routine quotidiana.

Risulta difficile non attribuire connotazioni negative alla routine lavorativa, spesso restiamo incatenati alle stesse azioni ogni giorno, senza volerlo davvero. Raramente il termine in questione viene utilizzato in senso positivo. La routine è vista come qualcosa da evitare; è proprio in questo momento che entra in gioco il rituale, un significato simile ma con un cuore differente, piacevole da assaporare.

Cosa sono i rituali? Come compierli?

Qual’è la differenza tra abitudine, routine e rituale? I rituali, come la routine, sono un insieme di abitudini ripetute ogni giorno, ma con intenzione e desiderio. Possiamo interpretare i due termini con chiavi di lettura totalmente differenti. Perché?

1 Le azioni incluse nel rituale vanno eseguite in un ordine preciso. Nel caso delle abitudini mattutine, non dovrai per esempio mescolarle o abbinarle. Cosa significa? Non berrai il caffè fino a quando non avrai consumato il bicchiere d’acqua. Oppure, non starai seduto al tavolo sorseggiando il caffè mentre leggi contemporaneamente le news. Ogni azione deve avvenire in un ordine preciso e preimpostato, questo è il senso del rituale.

2 C’è un vantaggio semplice e chiaro nel compiere azioni predefinite. Esistono perché tu le hai create, avvengono perché tu hai deciso di farlo. Ciò crea una forte connessione tra il cervello e le azioni compiute. La giusta motivazione potrebbe per esempio essere la voglia di avere un fisico scolpito, o il desiderio vibrante di migliorare la propria persona. Chi lavora, potrebbe provare piacere nella sensazione di percepire sotto controllo la propria giornata, senza il rischio di perdersi tra i vari impegni.

Qual è la differenza sostanziale tra routine e rituale?

La prima è un gruppo sistematico e funzionale di azioni che devi completare. Non esiste la componente emotiva, lo fai perché devi.

Il rituale è pur sempre un insieme di azioni, ma avviene perché tu lo vuoi ardentemente. Porta vantaggi alla vita, ci rende più sereni e realizzati.

Il libro The Power of Habit

Quanto è importante adottare abitudini, routine e rituali nella vita di tutti i giorni? Una buona organizzazione è fondamentale per ognuno di noi, attenzione tuttavia a non cadere nella noia più assoluta, tipica della ripetizione. Trova sempre le passioni che ti fanno battere il cuore e imposta le tue azioni predefinite per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Il libro The Power of Habit (La dittatura delle Abitudini, in italiano) è un testo completo ed efficace, che spiega concretamente come ottenere il meglio dalla vita, realizzando i tuoi desideri in modo organizzato.  Appartiene al genere di auto-aiuto, è stato scritto nel febbraio 2012 da Charles Duhigg vincitore del premio Pulitzer Americano per il Giornalismo Divulgativo. Lo scrittore è originario del Nuovo Messico (Stati Uniti), classe 1974. Attualmente lavora per il popolare giornale made in USA The New York Times.

La Dittatura delle Abitudini spiega come trasformare le abitudini per migliorare la propria vita, analizzando la differenza tra abitudine, routine e rituale. Il libro è facilmente reperibile nelle librerie più fornite della tua città, oppure online in versione cartacea o digitale. Scopri l’influenza della abitudini nella tua vita, quanto ti condizionano e come cambiarle in meglio per la valorizzazione personale.

 

Commenti
Loading...